Psicoterapia – Pietro Enrico Bossola

La Psicoterapia a indirizzo psicoanalitico è indicata quando una persona prova malesseri o ha pensieri di cui non ne comprende il senso e di cui non riesce a capacitarsene, perché ha l’idea che essi sfuggano alla volontà e al proprio controllo.

Nonostante la capacità di padroneggiare le proprie azioni e di regolare le emozioni, si presentano forme quali depressioni, attacchi di panico, stati di angoscia, disturbi sessuali e altre forme sintomatiche, tra le quali i disturbi alimentari.

In tutti questi casi si creano due conseguenze: da una parte si mette in scacco la propria identità e la propria stima, dall’altra aumentano il senso di incapacità e il senso di colpa, che provocano un’inibizione frustrante.

Ciò apre delle domande su di noi: la psicoanalisi risponde dicendo semplicemente che esiste una matassa inconscia e questa va sbrogliata attraverso un lavoro di parola.

Spesso le parole possono incastrarsi male e fare soffrire, come una spina finita di traverso, perché sono state vissute come la verità delle verità: il lavoro di parola scioglie l’incastro e ridà alle parole il significato reale.

Lo si vede bene nei Disturbi Alimentari, nei quali la spina finita di traverso si gioca nell’alimentazione, perché l’alimentazione è una storia personale di scambi relazionali, affettivi, sociali e culturali.

Il mio è un lavoro a due voci: io do il tono e la direzione, ma per districare il nodo è necessaria la narrazione del paziente. Solo con il suo aiuto si può ritrovare il bandolo per recuperare la spina finita di traverso, cioè le parole e le situazioni a cui non si è dato peso e che, inconsciamente, ci hanno fatto del male.

Il risultato è modificare l’asse dal quale vediamo e crediamo di essere visti. 

L'incontro può, in condizioni particolari, avvenire via Skype.